Nelle ultime ore agli utenti di Firefox in tutto il mondo si è presentato un bug di proporzioni epiche: a causa di un problema in un certificato di Firefox, quasi tutte le estensioni del browser sono state automaticamente disabilitate.
Oltre al danno, molti utenti hanno percepito questo evento come una beffa: infatti dalla versione 48 di Firefox, Mozilla aveva reso obbligatoria la certificazione delle estensioni, senza nessun modo per evitare il controllo della firma. Proprio questa controversa decisione ha fatto sì che il bug di oggi non potesse essere risolto dagli utenti semplicemente disabilitando l'opzione xpinstall.signatures.required, come nelle versioni precedenti di Firefox. Alle 12.50 UTC è per fortuna arrivata la soluzione temporanea da parte di Mozilla. Per applicare la patch, è necessario andare in Opzioni -> Privacy e sicurezza e abilitare l'opzione Consenti a Firefox di installare e condurre studi. In breve tempo la patch sarà abilitata automaticamente, e le estensioni torneranno abilitate.
Nell'attesa, è bene notare che né la reinstallazione di Firefox, né la creazione di un nuovo profilo, né il downgrade (a meno di tornare alla versione 47, vecchia di 3 anni) funzionano per risolvere il bug. Se proprio la patch tardasse a essere installata, è possibile installare la versione Nightly di Firefox, per la quale la certificazione delle estensioni è opzionale.